lunedì 5 ottobre 2015

Una nuova speranza

Quando qualche anno fa mi sono avvicinato alla politica e in particolare al Partito Democratico, si viveva nella situazione, peraltro ancora molto diffusa, di un partito con i circoli vuoti e, tranne qualche raro caso, una partecipazione assolutamente minoritaria a quella che, nel bene e nel male, è la vita politica del partito principale che decide le sorti del nostro paese.

Due eventi, che hanno confermato e stanno dando corpo e gambe a quella che è la politica del nuovo PD umbro guidato dal segretario Leonelli, hanno cambiato questa percezione. L’evento tenuto al teatro Lirick di Assisi e quello tenuto alla Rocca Paolina di Perugia hanno segnato la volontà della nuova classe politica di aprirsi all’esterno, di accogliere idee e programmi, di portare quelle che sono le soluzioni che ogni cittadino con la sua intelligenza può concepire ad essere prese in considerazione, discusse, valutate e, se meritevoli, proposte per la loro messa in atto. Ognuno può in questa maniera contribuire con la propria volontà, con le proprie idee, con la propria intelligenza al futuro di una formazione politica come quella del Partito Democratico.

Se l’iniziativa tenuta al Lirick in periodo di campagna elettorale poteva essere tacciata di essere un evento prettamente elettorale, quella alla Rocca Paolina ha confermato come questa sia una nuova visione, una nuova direzione alla quale anche gli amministratori locali e regionali del Partito Democratico stanno partecipando. In particolare il dialogo che si sta creando con la nuova giunta regionale ed i consiglieri eletti potrà portare, ed i primi segnali ci sono già, a conseguenze positive anche per il nostro territorio di riferimento, quello del Trasimeno e della Valnestore.


Adesso sta ad ogni singolo territorio attivarsi e riproporre questo tipo di rapporto con i cittadini, per riportare in primo piano le idee, in particolare quelle dei giovani, la mancanza delle quali ha determinato la crisi della politica che stiamo vivendo. Ed è proprio per uscire da questa crisi che dobbiamo tutti impegnarci in questa direzione.

Condivisioni

La cava abbandonata. A Cerreto, nel nostro Comune, c’è una cava abbandonata da un decennio o più, un taglio verticale di oltre 60 metri su...